Brafitting #2: i miei risultati e dove comprare

Ecco la seconda parte della mia esperienza col brafitting alla ricerca del reggiseno perfetto.

Per la prima parte clicca QUI.

Purtroppo l’argomento sembra non avervi interessate, non ho avuto alcuna interazione. 🙁
Ho pensato di abbandonarlo, ma mi è sembrato comunque coerente completare l’argomento, sperando di suscitare l’interesse di qualcuno, e chissà magari fra molti mesi ci sarà qualcuna insoddisfatta dei propri reggiseni che cercherà informazioni sul web e troverà il mio blog! 
Spero in qualche modo di essere utile!

L’altra volta vi avevo spiegato come solo il 20% delle donne indossa la taglia corretta di reggiseno. Vi ho raccontato le mie “disavventure” col mio mini seno, e vi ho indicato come e dove calcolare la taglia corretta.

Ora vi spiegherò come mi sono trovata e dove andare a comprare reggiseni in taglie non classiche.

Partiamo con la mia esperienza.
Con un paio di calcolatori risultavo una 28D. (sono 28 inches sottoseno e 32 inches giro seno)
Sul web ho comprato tre reggiseni in offerta di questa taglia e ho notato come ogni marca, ma anche ogni modello, veste in modo diverso.

Ho comprato un balconcino con la coppa preformata ma morbida della Marks & Spencer, marca di una catena di negozi inglese, che però produce anche taglie diversificate.
L’ho comprato su Ebay a sole 4 sterline.

Sopra un reggiseno taglia 32B, sotto il reggiseno M&S taglia 28D

Qui l’ho messo a confronto con una classica “prima” italiana, una 32B. Come potete vedere il giro del sottoseno del reggiseno rosa (il Marks & Spencer) è molto più piccolo di quello sopra. Infatti il numero della taglia sta proprio ad indicare il giro del sottoseno. Più è grande e più è largo.
Non so se nella foto si nota la differenza delle coppe.
Le coppe del reggiseno rosa sono sia più larghe che più profonde, insomma: più grandi!

Come mi sta?
 – Reggiseno 32 B: come giro se lo allaccio al gancetto più stretto va benissimo, ma la coppa è decisamente piccola, sia come larghezza che come profondità. Infatti mi fa l’effetto “doppia tetta” che vi ho mostrato nel post precedente.

– Reggiseno M&S 28 D: come giro sottoseno devo aggangiarlo al gancio più largo, ma me lo sento molto stretto, non è particolarmente confortevole. La coppa però va decisamente meglio! Forse è ancora leggermente piccola, ma l’effetto “doppia tetta” è solo leggermente accennato. Mi fa il seno alto e sporgente, ma in modo naturale.

E’ il mio reggiseno perfetto? No, ci vorrebbe una taglia in più come giro torace per questo modello. Per la coppa, forse dovrei provarne una più grande, ma potrebbe starmi anche questa. Dovrei provare una 30D.

Passiamo al secondo dei miei acquisti!

Si tratta di un Panache. Marca americana di reggiseni per coppe dalla D in su. Hanno una vastissima gamma di modelli, partono da un giro torace 28 fino a un 40 o giù di li e arrivano a coppe molto grandi come la HH, o la JJ.
Sono reggiseni di altà qualità e per le mie tasche molto costosi. Vengono venduti anche qui in Europa, ma il prezzo medio è sui 50€.
Ho trovato delle ottime offerte su alcuni siti inglesi di cui poi vi parlerò.
Ho comprato un Panache Melody.

Panache Melody – immagine tratta da Barenecessieties.com

Questo è il modello che ho comprato in offerta a 13 sterline nella taglia 28D. (il prezzo pieno era sulle 45!)
Il reggiseno è bellissimo, ha una bella lavorazione in pizzo e un tessutto sottile e leggero, è fatto molto bene.
Come mi sta?
Sicuramente non come alla modella ahah! A parte gli scherzi, purtroppo è troppo piccolo! E’ buffo che una col seno piccolo come me trovi un reggiseno troppo piccolo!
Eppure, è decisamente troppo, troppo stretto di giro torace. Mi fa uscire le ciccette ai lati!
La coppa? La coppa la riempio tutta, pure troppo, sembra un po’ piccola, ma ho pensato che se lo provo con quelle prolunghe per allargare il giro sottoseno, forse anche la coppa si adatterà meglio.
No, nemmeno questo è perfetto!
Di questo modello avrei dovuto comprare una 30D!

Infine, l’ultimo acquisto, sempre un Panache, ma del modello Tango II balconette, che in uno dei siti di cui vi ho parlato nel post precedente, veniva descritto come uno dei modelli da cui partire per stabilire la propria taglia.

Panache Tango II balconette. immagine tratta da aestetichofficial.com

Anche di questo modello ho preso la 28D su un negozio Ebay. Questo è il più costoso, non sono riuscita a trovare questo modello a meno di 20 sterline (ma il prezzo di listino è circa 54€!! alla fine l’ho sempre pagato la metà)
E’ un reggiseno molto ben fatto e rifinito.
Come mi sta?
Pur essendo della stessa taglia del Panache Melody il giro sottoseno del Tango II è molto più confortevole. Anche di questo modello probabilmente sarebbe meglio la 30, ma devo dire che questo non mi fa “soffocare”.
La coppa è della giusta ampiezza e profondità, forse anche questa leggermente piccola, ma questo reggiseno è fatto molto alto nella parte superiore, e mi fa “difetto”, e non è un errore di taglia, ma proprio una questione di forma di seno.
Mi spiego: facendo qualche ricerca sempre sui siti segnalati nel primo post, ho scoperto che oltre alle misure, ci sono anche forme diverse di seno, e non si tratta della solita forma mela, pera, ecc ecc…ma se si riempie il seno nella parte superiore, o nella parte inferiore.

Io ho il cosidetto “Shallow Breast” ovvero un seno che ha una base più grande della profondità. Di solito ha un seno di questo tipo chi ce l’ha piccolo, ma sono soventi casi anche con seni grandi.
E’ un tipo di seno che è ampio alla base, ma è poco sporgente.
I seni “Shallow” sono seni che spesso partono già dalle clavicole, insomma davvero molto ampi sul torace ma poco sporgenti.
Ed è verissimo, questo non fa che confermare l’idea che ho sempre avuto del mio seno, ovvero che avesse una base molto ampia ma poco sporgente, il che mi fa vestire male le taglie classiche che si trovano nei nostri negozi. Spesso la coppa B su un giro 34(2) ha la giusta ampiezza ma non la giusta profondità. (e il giro torace grande ma vabbè) Mentre una coppa A sempre su un giro 34, è troppo piccola in ampiezza, e spesso anche in profondità.

Il seno “Shallow” di profilo può essere più pieno nella parte inferiore (il mio caso) oppure sembrare un triangolo o addirittura una parentesi!

credits: www.venusianglow.com

Questa immagine tratta da VenusianGlow è molto esplicativa. I seni “classici” partono più in basso e sono più sporgenti, mentre il seno “shallow” parte molto più sopra. Come vi dicevo l’aspetto del profilo però può variare. Il mio caso è il terzo da sinistra.

Il problema di questo tipo di seno, come già dicevo, è che spesso le coppe o sono troppo profonde, o troppo piccole e tagliano il seno a metà.

Svantaggi: è difficilissimo trovare un reggiseno che vesta perfettamente. La maggior parte dei modelli sono costruiti per seni più stretti e sporgenti.

Vantaggio: sono spesso seni sodi, fermi, alti, e nei costumi da bagno sembrano più grandi per via della loro ampiezza alla base.

I tipi di reggiseno consigliati sono:
– con la coppa non troppo profonda
– parte superiore della coppa non deve tagliare il seno
– di solito le coppe con le cuciture verticali sono adatte, soprattutto i modelli stile balconcino o mezza coppa
– anche i reggiseni cosidetti “plunge” ovvero quelli con la scollatura profonda, perchè non tagliano il seno a metà
Рironicamente, i reggiseni post-operatori per chi ad esempio ha rifatto il seno, sono adatti a questo tipo di seno, anche se ̬ piccolo!

Quindi, con queste premesse, gli acquisti che ho fatto erano sbagliati! La taglia giusta(più o meno, in base a nuovi calcoli più accurati ho scoperto di essere non una 28D ma una 30D) ma il modello non adatto a me. Tranne il Marks&Spencer, che anche se è decisamente troppo stretto, ha la forma giusta per il mio seno.

A questo link tratto dal blog super citato Venusian Glow, fa vedere un esempio di seno molto simile al mio, oserei dire quasi identico e le difficoltà nel trovare il modello adatto! Attenzione: nel link ci sono foto di nudo anche se parzialmente oscurate.

Volevo anche mostrarvi la differenza tra un seno pieno nella parte superiore, o nella parte inferiore, è un’immagine molto utile per capire anche su che tipo di reggiseno orientarci.

credits: brasihate.blogspot.com

Potete vedere in senso orario: seno più pieno nella parte inferiore (il mio), seno più pieno nella parte superiore (risulta molto alto sopra), seno più pieno nella parte inferiore (molto piena la parte inferiore il capezzolo risulta molto in alto), seno pieno nella parte superiore (il capezzolo risulta molto all’ingiù).
Sono due categorie che hanno esigenze diverse tra loro, se vi interessa, farò ancora un paio di articoli per tipi diverso di seno, altrimenti, io vi ho lasciato le basi, poi vi consiglio di fare delle ricerche sui siti che vi ho consigliato per trovare ciò che fa per voi.

Infine: dove potete comprare reggiseni di taglie non classiche?
Ecco i siti che reputo più affidabili. (sono tutti europei, se ne trovano tanti anche in America, ma ci sono le tasse doganali)

www.brastop.com
www.bravissimo.com
www.figleaves.com
www.undercoverexperience.com
www.ewa-michalak.pl
In Italia ho trovato www.bradiso.it che però non ha molte taglie disponibili.
Potete affidarvi anche a Ebay, ma facendo molta attenzione che il prodotto venga spedito dall’Unione Europea e che il venditore abbia feedback positivi.

Questo è tutto! Spero di essere stata abbastanza esauriente e soprattutto di esservi utile.
Vi invito a leggere anche la prima parte sul Brafitting, altrimenti questo articolo vi risulterà incomprensible! 🙂

Se vi sono stata utile, o se avete dei dubbi o bisogno di consigli su come scegliere il reggiseno adatto a voi, calcolare la taglia e capire la forma del vostro seno per trovare il modello giusto, non esitate a contattarmi!
A presto!
Ciao da me e le mie due albicocche!

Related posts

0 Thoughts to “Brafitting #2: i miei risultati e dove comprare”

  1. avevo letto la prima parte dell'articolo, che avevo trovato interessante, così come la seconda. io sono una delle poche fortunate che hanno un seno proporzionato al torace (3 coppa B), e in genere non ho troppe difficoltà a trovare, però anche io ogni tanto ho preso delle cantonate, tipo un reggiseno di HM che mi faceva proprio l'effetto "doppia tetta"… in genere i reggiseni cerco di prenderli dove si possono provare (le mercerie sono un buon posto), oppure prendo quelli che costano poco, e se mi trovo bene ne prendo degli altri (mi trovo bene con quelli di marca Coop).
    non ho grandi esigenze sui modelli, mi basta che siano senza imbottiture e senza ferretti, perchè mi danno fastidio. il migliore che abbia mai avuto è di Triumph, marca che lavora molto bene e ha una vastissima scelta di combinazioni coppa/torace… ok, io ho preso la solita 3B, ma ho constatato che veste molto meglio di qualunque altro provato prima… e non l'ho pagato una follia (27 euro in saldo).

  2. Sei tra le poche fortunate ad avere un seno medio che vesta con le taglie italiane! Per me è sempre stato un vero calvario…che non è ancora finito! Il giorno che troverò quello giusto farò una festa! 😀

  3. Avevo lasciato un commento nella prima parte, accidenti! Mi sa che non è andato a buon fine (alle volte mi capita).
    Comunque, io ho un seno importante che con l'allattamento per fortuna è rimasto bello.
    Ma ho decisamente bisogno di coppe differenziate, infatti ho una 75D o DD (non so in inches, comunque è il giro della terza e la coppa abbondante). Secondo le taglie italiane sarei una quarta….che puntualmente mi fa difetto sul giro torace.
    Ho trovato in giro nei negozi fisici cose decenti da wonderbra e forse ora intimissimi propone coppe ampie, ma è sempre una dura lotta. Mi studiero' i siti che hai proposto…il Panache Melody sembra stupendissimo!! lucrezia

  4. Dovrebbe essere una 36d o 34dd! Prova a usare i calcolatori che avevo linkato e fa una media! Io uscivo una 28d ma provando i modelli e ricalcolando ho visto che sono una 30d! È difficile quando si hanno coppe differenziate soprattutto dalla D in su! È assurdo pensare che tutte le italiane abbiano una coppa B!

  5. Anche io volevo lasciare un commento nel post precedente, ma non è andato a buon fine. Ho sempre saputo delle taglie differenziate (e del fatto che non ero una taglia "classica"), ma non ho mai approfondito molto perché mi sono sempre più o meno arrangiata, oltretutto anche usando misurazioni più "sofisticate" di quella italiana mi sembrava che le cose non tornassero… adesso ho capito perché XD credo di avere anch'io un (piccolo XD ) seno shallow, credo che somigli al tuo 😀

  6. Noi povere shallowsose! Ehehe, in realtà ci sono anche altre forme di seno problematiche. Il fatto è che i seni sono tutti diversi ed è impossibile che un modello preimpostato stia bene a tutte! Per questo le taglie italiane sono obsolete: è impossibile che tutte portiamo una coppa B, in 8 casi su 10 ci saranno dei problemi. Io me la sono cavata coi reggiseni imbottiti, di cui riesco a portare una seconda, ma coi reggiseni normali è una causa persa. Appena avrò qualche contante proverò con una 30D, sento che sarà quella giusta! 😛

  7. cavoli avevo scritto un commento ma evidentemente non è apparso, chissà come mai..comunque ci riprovo! grazie infinite per questi post e per non aver smesso di scrivere a metà! ci ho messo un po' a vederli ma sono stati utilissimi!! anche io ho buttato via moltissimi soldi in reggiseni di "compromesso" senza capire un'acca fino ad ora su cosa significassero i numerini e le lettere nelle taglie..oltretutto mi pare proprio di essere un caso similissimo al tuoXD

  8. Mi fa molto piacere Erica! Non
    Ho ancora potuto comprare un 30d per poter dire con certezza che sarà quello giusto!

  9. Cara Lara!!! dopo la consulenza sull'analisi del colore, che mi è stata davvero utile.. questi post.. ma tu sei la mia salvatrice!!! Leggendo leggendo, anche grazie ai link che hai indicato, ho capito che non sono io, o meglio, il mio seno a essere fuori misura e sbagliato.. non era xquesto che non mi stava mai bene nulla! Erano le malefiche taglie italiane a non andare bene xme! Sono stata fortunata, ho scoperto che Kiabi ha taglie differenziate, a prezzi decisamente onesti, ed è anche vicino a casa quindi ho potuto farmi una bella sessione di prove di mille tipi e misure, fino a trovare quello perfetto! Tu non sai la gioia quando finalmente ho provato un reggiseno davvero giusto.. ora non riesco più a portare gli altri, anche se sono più cari e delle marche considerate migliori.. ci credo, sono tutti una 4B, io ho scoperto di avere una 95E!!!
    E la tua ricerca del reggiseno perfetto come procede?
    Un abbraccio Lara, grazie davvero!
    Daria

  10. Anonimo

    Anche io in passato ho avuto problemi di taglia, sono riuscita a risolvere la situazione andando in un centro Coin con i saldi. Ho trovato una bravissima commessa che per prima cosa mi ha aiutato a trovare la taglia (ero convinta di avere una 4B e avevo una 5C) e per seconda cosa mi ha aiutato a trovare i reggiseni in sconto. alla fine ho acquistato reggiseni a 18 euro invece di 50… sono due anni che li porto.. sono ancora perfetti e sono comodissimi. Purtroppo non so spiegarvi/mi perchè i reggiseni più costosi sono più comodi ma ho notato una grandissima differenza tra quelli da 10-30 euro (tutti molto simili) rispetto a quelli che costano 45-60 euro. Io ormai ho tappa fissa, verso la fine dei saldi (febbraio e agosto) passo da Coin e cerco qualcosa al 70 per cento di sconto =)
    Valentina

  11. DD

    Argomento molto interessante, ho già acquistato su http://www.figleaves.com e mi sono trovata bene, ma tu mi hai dato molte informazioni che non riuscivo ad avere…non mi dispiacerebbe anche la terza puntata.

  12. Anonimo

    Ciao Lara! Post interessantissimo per quanto mi riguarda, mi piacerebbe vedere il seguito. Personalmente non ho ancora ben capito qual'è la forma di reggiseno piu' adatta a me, sono ancora alla ricerca. E piu informazioni trovo, piu' sono contenta! 🙂
    Francesca

Leave a Comment

AlphaOmega Captcha Musica  –  What Do You See?
     
 

Protected with IP Blacklist CloudIP Blacklist Cloud